QUANDO CONVIENE L’ACCUMULO FOTOVOLTAICO?

Le batterie di accumulo (o storage) sono ormai da alcuni anni nel mercato italiano. Ma quando è realmente conveniente metterle insieme all’impianto fotovoltaico?

Per valutare se scegliere o meno di mettere l’accumulo a un impianto fotovoltaico ci sono due strade: la prima è tecnica e la seconda economica.

Dal punto di vista tecnico un buon accumulo (purché solamente con batterie agli ioni di litio!) è sempre conveniente perché aumenta l’indipendenza energetica. Le batterie, infatti, accumulano la corrente prodotta durante le ore diurne, e non utilizzata, per poterla utilizzare di sera e di notte, quando non c’è l’irraggiamento solare.

Dal punto di vista economico, poiché oggi in Italia un buon sistema di accumulo non può costare, chiavi in mano, meno di 5 mila euro (e parliamo di quelli molto piccoli), vanno valutati due fattori: quanta corrente elettrica viene prodotta mediamente dal proprio impianto fotovoltaico e quanta corrente utilizziamo nella fasce serali e notturne. Da questo calcolo, unito al costo sostenuto per la corrente non autoconsumata dalla propria produzione, si potrà valutare la convenienza o meno. Il conteggio va fatto fare a un consulente preparato, per evitare errori grossolani