L’IMPORTANZA DELLA PROGETTAZIONE PER UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

Un impianto fotovoltaico non è fatto solo di materiali, quali moduli, inverter ecc.

Alla base di un impianto che produce con soddisfazione del cliente e che dura nel tempo c’è sempre una OTTIMA progettazione.

Diciamolo subito: la progettazione non consiste unicamente nel disegno del posizionamento dei moduli sulla falda (questo è capace di farlo un ragazzino delle scuole superiori).

Una progettazione completa include:

  1. Un primo sopralluogo del progettista, finalizzato a:
  • verifica spazio disponibile per l’installazione: misure del tetto e  corretta posizione di eventuali ostacoli;
  • verifica degli accessi al  tetto;
  • Individuazione precisa del passaggio dei cavi tra campo fotovoltaico e quadri in alternata; individuazione della posizione dell’inverter.
  • Scelta corretta delle strutture.
  1. Progettazione vera e propria e relazione tecnica:
  • Indicazione del layout che ottimizzi l’irraggiamento sui moduli;
  • Schema elettrico unifilare;
  • Posizionamento dell’inverter;
  • Cablaggio, con indicazione del passaggio cavi, della tipologia di cavo e della protezione del cavo (es. sei cavi sono troppo piccoli provocano una notevole dispersione energetica)
  • Progetto della struttura di fissaggio;
  • Valutazioni di producibilità annua con calcolo del BOS
  • Una progettazione completa individua infine i corretti scaricatori, l’adeguato magnetotermico e i differenziali coerenti alle prestazioni attese.
  1. COLLAUDO DELL’IMPIANTO

La verifica finale della corretta progettazione dell’impianto consta ovviamente nel collaudo

In 12 anni di attività abbiamo visto numerosi impianti fotovoltaici fatti in Italia: quando qualcosa non funzionava è dipeso quasi sempre da una progettazione errata o inadeguata.

E’ inutile scegliere i migliori pannelli e inverter del mercato se non ci si affida a chi sa progettare correttamente un impianto fotovoltaico!

ALLA PROSSIMA PUNTATA: quando conviene l’accumulo e quale accumulo scegliere?