Come funziona più approfonditamente il prodotto Manti Ceramic?

Microcappotto Manti Ceramic a basso spessore: l’alternativa al cappotto tradizionale ad alto spessore

 

LA SOLUZIONE ALLO SPRECO DI ENERGIA: L’ISOLAMENTO NANOTECNOLOGICO A BASSO SPESSORE – IL MICROCAPPOTTO MANTI CERAMIC

Risparmiare energia

Il MICROCAPPOTTO è un’alternativa al cappotto ad alto spessore, è un altro modo di isolare un edificio ma che porta allo stesso obiettivo: RISPARMIARE ENERGIA!
Si utilizzano le tecnologie più avanzate con lo scopo principale di non dover snaturare l’edificio e sostenere costi inutili. Si evitano inoltre i problemi tipici di un isolamento ad alto spessore.
I risultati che si ottengono sono simili, ma si raggiungono da due diversi approcci.

Basso spessore

I termo-rivestimenti nano tecnologici sono a basso spessore, da 1 mm a 2 mm. La versione rasante arriva fino a 8 mm. La base della tecnologia di questi materiali deriva dalla ricerca spaziale, dove questi materiali sono impiegati per proteggere le navicelle spaziali dal calore estremo che devono affrontare nei viaggi.

Materiali efficaci

NON C’E’ QUINDI DA STUPIRSI CHE QUESTI MATERIALI SIANO EFFICACI, si consideri che vengono abitualmente utilizzati per ridurre le dispersioni di calore nei circuiti vapore industriali, dove nei tubi si raggiungono temperature di 160°C.

Base del prodotto: composta da microsfere in ceramica, vuote al loro interno.

Sono queste microsfere a generare il cosidetto “scudo termico”

La resistenza alla conduzione di calore espressa dalle microsfere è composta di diversi fattori:

  • riflessione superficiale delle sfere
  • resistenza di conduzione di calore grazie al vuoto che si trova all’interno delle sfere
  • riflessione dell’interno della sfera
  • parete della sfera che resiste alla conduzione di calore

Il prodotto penetra la porosità del materiale che normalmente si usa in edilizia (porosità in micron) e crea una struttura a forma di reticolo che riveste tutto il materiale in profondità (nano tecnologia) e lo rende diverso strutturalmente. Questa tecnologia permette di raggiungere risultati migliori con strati di materiali molto più sottili, rendendo le applicazioni più semplici .

 

La base del prodotto è stata sviluppata dalla NASA che consiglia di utilizzarla anche per gli edifici.

TESTO TRADOTTO DAL SITO DELLA NASA