Pompe di calore Mantova

Pompe di calore elettriche aria-acqua: ecco come funzionano

In commercio è possibile trovare diverse tipologie di pompe di calore, ma in questo caso prenderemo in esame una sola di queste: la pompa di calore aria-acqua. Anche se meno conosciuta della sorella con funzionamento aria-aria, la pompa di calore in questione si presenta agli occhi di tutti come una macchina dalle caratteristiche decisamente interessanti.
Infatti, sono in grado di produrre acqua calda sanitaria e per il riscaldamento domestico (sfruttando un specifico impianto), nonché acqua fredda da utilizzare per abbassare la temperatura degli ambienti di riferimento.

Qual è la principale differenza con le pompe di calore aria-aria?

Le pompe aria-acqua svolgono sia le funzioni tipiche di una caldaia che di un condizionatore, proprio perché utilizzano l’acqua come fluido di lavoro per modificare la temperatura degli ambienti.
Altra differenza, da prendere in considerazione, è la differenza di volume delle due diverse macchine: le pompe di calore aria-acqua sono più ingombranti, per il semplice fatto che necessitano di grandi superfici per agevolare il corretto scambio termico. È una differenza da analizzare attentamente, sia dal punto di vista della disponibilità dello spazio destinato alla pompa di calore, sia dal punto di vista economico. Un impianto aria-acqua è più complesso e più costoso: questo perché, come detto, è necessario un sistema particolare per la distribuzione dell’acqua.
Per sfruttare al meglio la pompa di calore in questione, sia per riscaldare, che per raffrescare gli ambienti, è consigliabile integrare all’impianto di riferimento un sistema di scambio termico a larga superficie o un sistema a ventilazione.
Nel primo caso (pannelli radianti) saranno sfruttate al meglio anche le basse temperature, ottenendo comunque un risultato finale degno di nota. Stessa cosa anche per i sistemi a ventilazione.
Limite: la pompa di calore aria-acqua non funziona bene con le basse (più basse di 0 gradi) temperature invernali: con temperature esterne troppo rigide utilizzare solo una pompa di calore per soddisfare tutte le esigenze di riscaldamento è un grande azzardo. Infatti, un impianto monovalente è consigliabile solo se l’impianto sarà installato in una zona dove la temperatura scende raramente sotto 0 gradi. Nelle altre ipotesi, la soluzione migliore è quella che prevede un impianto bivalente, dove il lavoro della pompa di calore è supportato da un sistema ausiliario di riscaldamento (la pompa di calore preriscalda l’acqua, la quale sarà inviata alla caldaia per essere portata a più alte temperature in tempi brevi).
Basta contattare una delle diverse aziende di Mantova per ricevere i consigli necessari, al fine di scegliere la giusta pompa di calore e l’impianto perfetto per le proprie esigenze.

[button href=”http://savenergy.it/contatti/” colorstart=”#000000″ colorend=”#FFFFFF” colortext=”#FFFFFF” icon_size=”16″ class=”” target=”” color=”” align=”vertical” width=”large” icon=”” ]CONTATTACI[/button]

 

Vedi anche: Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Cremona