Nuovo rialzo dei prezzi: luce + 6,5% e gas + 8,2%!

Si alzano nuovamente i prezzi dell’energia, sia elettrica che termica, dopo il rialzo di inizio anno e il leggero calo di 3 mesi fa.

Ormai è una costante che tutti conoscono: da oltre 40 anni elettricità e gas aumentano costantemente. Ogni tanto ci danno qualche piccolo ribasso, ma il dato tendenziale è sempre in costante aumento. Negli ultimi 20 anni gli aumenti sono stati di poco meno del 200%! Quindi quasi il 10% medio annuo effettivo.

Cosa si può fare? Le soluzioni sono tante, e qualunque famiglia avveduta dovrebbe prenderle in seria considerazione.

Vediamone alcune.

Innanzitutto il primo intervento al quale bisognerebbe pensare è quello di isolare meglio la casa. Normalmente si pensa di iniziare dalle finestre, mentre è un errore. Gli infissi infatti pesano solamente il 15% della dispersione media di una casa in classe G. L’ideale è iniziare dalle pareti, esterne o anche interne, grazie ai nuovi isolamenti a bassissimo spessore.

L’isolamento abbassa per sempre il fabbisogno di riscaldare d’inverno e di raffrescare d’estate, dando un contributo fondamentale al risparmio di gas (o altri combustibili) e, in parte, al risparmio elettrico (per il condizionamento estivo).

Dopo l’isolamento, è necessario pensare a come produrre calore d’inverno e a come risparmiare sull’elettricità.

Per il riscaldamento ci sono due soluzioni principali: ridurre il consumo di gas o altro combustibile con un sistema integrato (ad esempio una pompa di calore o il termodinamico) oppure, se realizzabile logisticamente, un impianto con pompa geotermica che azzera definitivamente i consumi di gas o gasolio o GPL o legna ecc.

Per l’elettricità l’unica soluzione, oltre alle lampadine a LED, è un impianto fotovoltaico. Per chi già l’avesse, è consigliabile aggiungere le batterie di accumulo al Litio per aumentare il risparmio.

Qualcuno penserà che siano tutte soluzioni costose. In realtà, fin quando ci saranno le attuali detrazioni fiscali, si possono anche realizzare queste soluzioni a COSTO ZERO! Fino a fine 2018, è possibile. Dopo, non si sa.